I sistemi di pubblicità online ci spiano o no? Ecco cosa combinano i 2 più grandi player mondiali

Parliamo di Pubblicità online, di Facebook Ads e di Google Ads.

Questo articolo vuole mettere chiarezza su una domanda che costantemente ci facciamo tutti:

“Ma Google e Facebook ci spiano?”

Secondo me no!

È vero che ormai abbiamo tutti la sindrome da Grande Fratello e dopo il 2020 siamo diventati tutti un po’ più complottisti nostro malgrado, ma pensare che i Big della Pubblicità online ci spiano mi sembra, francamente, una esagerazione.

Mi è venuto in mente di scrivere questo articolo dopo aver letto il post di un mio amico su Facebook che chiedeva se il social network di Mark Zuckerberg ascoltasse il suo cellulare. Mentre stava guardando su un canale tematico di cucina una trasmissione su un grosso Brand Alimentare, infatti, ha utilizzato il proprio cellulare per navigare su Facebook e si è imbattuto proprio nella pubblicità di quel Brand Alimentare. Perché è accaduto?

La spiegazione è veramente semplice. Chi ha progettato quella campagna pubblicitaria online sapeva che ci sarebbe stata molta curiosità sul web dopo quel servizio e quindi ha creato una cosiddetta campagna di Top Funnel o Copertura sul Web.

Che vuol dire? Semplice, riflettici: quando tu guardi una trasmissione alla televisione e senti qualcosa che ti incuriosisce che fai? È vero o no che prendi il cellulare e inizi a Googlare o entri nella pagina Facebook del brand?

Peccato che il mio amico non ci sia entrato, né su Google né su Facebook. E allora cosa diamine è successo? Vuoi vedere che ho scritto tutto questo pistolotto e poi ci spiano veramente? No, mio caro amico.

I pubblicitari del Brand possono aver creato una campagna che si concentrasse sull’orario del servizio inondando con una carriolata di soldi il sistema pubblicitario di Facebook. Quindi niente complotti.

Facebook Ads: che cosa è, come funziona e quando dovresti usarlo per la tua azienda

Che cos’è Facebook Ads? Oggi nel 2021 è sicuramente una delle piattaforme, insieme a Google Ads, più evolute nel panorama web.

Serve principalmente a promuovere una pagina Facebook. Per essere efficace deve essere concepita con criterio. Infatti questo sistema, come tutti i sistemi di marketing – sì, anche quelli offline – devono basarsi su tre livelli: Top of Funnel, Middle of Funnel e Bottom of Funnel.

Questi tre livelli permettono, come scritto, la promozione del proprio business attraverso la Pagina Facebook.

L’advertising su Facebook e i livelli del Funnel.

Quindi quando impostiamo la Campagna Facebook che dobbiamo fare?

Sicuramente dobbiamo pensare la nostra pubblicità online in maniera strategica, pensando:

  • che non tutti ci conoscono;
  • che anche quelli che ci conoscono potrebbero non ricordarsi di noi nel momento dell’acquisto;
  • che per quanto si siano sforzati di comprare da noi potrebbero non averlo fatto;

Ecco ti ho appena spiegato i tre livelli di consapevolezza: Top, Middle e Bottom of Funnel.

In pratica, il Top of Funnel è quel livello di consapevolezza in cui il nostro potenziale cliente non ci conosce e non sa, talvolta, nemmeno di un potenziale problema.

Ti faccio un esempio, così ci capiamo meglio: Immaginati una persona che è afflitto dal mal di schiena. Lui sa che ha dolori e ricorre ai farmaci antidolorifici e antinfiammatori [ lo so perchè ci sono passato 🙁 ].

Quindi non sa che il suo problema potrebbe essere una contrattura muscolare o una cattiva postura o addirittura il materasso.

Quindi che facciamo? Iniziamo un ciclo di sponsorizzazioni Facebook che cercano di qualificare il nostro potenziale utente, scrivendo delle inserzioni Facebook che parlano a volte delle contratture muscolari, a volte della cattiva postura e altre dei problemi del materasso.

Nel Middle of Funnel ho scritto che ci sono quegli utenti che “ci conoscono” ma non si ricordano di noi nel momento dell’acquisto. Non solo, magari non sanno nemmeno che poi possiamo vendergli un servizio/prodotto che risolve il loro problema. Quindi come ci arriviamo a questi potenziali clienti? Ci sono vari modi. Te ne dico uno: creo un’inserzione che verrà vista da chi ha visitato il mio sito dove parlo di quel particolare problema o hanno visto la pubblicità in Top of Funnel.

Continuando con l’esempio, i nostri utenti sanno che il loro mal di schiena è dovuto ad uno dei motivi su elencati e gli racconto che possono fare dell’attività fisica precisa come il pilates, oppure gli racconto che possono scegliere un materasso differente, creando con loro una relazione e offrendo loro un contenuto gratuito importante e soprattutto gratuito.

Arriviamo al Bottom of Funnel, qui devo passare ai fatti: devo convertire tutto quanto in termini di vendita del mio prodotto/servizio. Infatti è solo ora che tento di vendere. Prima essendoci troppa distanza tra la mia autorevolezza e quella percepita è molto difficile e si andrebbe a sprecare molto budget.

Quindi alla fine Facebook ci spia o no?

Ora che ti ho spiegato come funzionano le sue Ads, sei d’accordo con me nel dire che Facebook non ci spia?

Semplicemente agisce in base ai tuoi comportamenti online, quando per esempio visiti un sito o una pagina di un determinato Brand sul social network. Ti vengono mostrate le inserzioni in base ai tuoi interessi che tu stesso hai dichiarato di avere su Facebook.

Lo stesso discorso vale per le Ads di Google, che non sfrutta nessun microfono nascosto nei nostri dispositivi elettronici. Niente complotti, dunque, è semplicemente la pubblicità online che potresti sfruttare anche a tuo favore per la tua impresa!

Se ritieni che questo articolo è interessante ti chiedo di lasciarmi un commento qui sotto.

#SfamiamoUnSitoWeb
mese per mese al fianco degli imprenditori.#SfamiamoUnSitoWeb

CHIEDI UNA CONSULENZA